C’è cascato anche Pisapia nel NCAS – la manovra fiscale di Milano

Posted on 05/08/2011

0


Ebbene sì, c’è cascato anche lui, Pisapippa, cioè Pisapia. Ha scritto una lettera ai milanesi dove, per giustificare la manovra fiscale, prima dice pudico “non avevamo molte strade” e poi, dimenticando il ridicolo, più avanti sbraca e dice “avevamo solo due strade” di cui una impercorribile (non fare niente) e quindi alla fine, anche lui casca gioioso nel NON C’E’ ALTRA STRADA (NCAS).

In questo blog abbiamo già trattato qui la assoluta vacuità dell’argomentazione, portando via via esempi concreti di come, tutte le volte che si diceva “non c’è altra strada” era per coprire che altre strade c’erano eccome, ma non convenivano ai soggetti decisori (esempi: Baggina, nucleare, spesa pubblica in genere). Il politico medio brandisce il NCAS quando non ha argomentazioni serie (cioè quasi sempre) come un ubriaco farebbe col bastone al gioco della pentolaccia. E Pisapia, purtroppo, non fa eccezione, anzi, ci casca dopo solo due mesi di mandato.

Lui dice che i tagli ai comuni costeranno a Milano 100 milioni di euro, e non c’è altra strada per recuperarli se non aumentare tasse e balzelli a carico di quelli che hanno sempre  pagato. Io dico che ci sono almeno due voci su si poteva fare di più, prima di chiedere soldi ai soliti: una simbolica ed una vera.

Voce simbolica. Assunzioni di amici e sodali deliberate nel mese di luglio —> 1,2 mln – e non ditemi che licenziando i morattiani si è risparmiato di più. Se i morattiani erano inutili (e probabilmente in gran parte lo erano) allora perchè sostituirli? Si fa a meno e basta.

Voce consistente. Pagina 35 della Relazione sul Rendiconto 2010. Tabella di confronto delle diverse voci di spesa corrente tra il 2005 ed il 2010. voce n.3 PRESTAZIONI DI SERVIZI. E’ quasi il 60% delle spese correnti: a occhio è la voce in cui confluiscono tutte quelle spese che tendono a sfuggire ad un controllo stringente di utilità, come ad esempio outsourcing a cooperative amiche di funzioni che potevano essere svolte da dipendenti comunali, consulenze su materie perfettamente note etc.

E’ aumentata del 77% nel periodo Morattiano, passando da 739 mln di euro e 1.311 mln. 600 milioni di euro in più in cinque anni. Domanda sempllice semplice: dite che 100 milioncini (o magari ne bastavano 98,8) non si trovavano da risparmiare lì?

Spedire la risposta a Pisapia, grazie!

Annunci