Il posto (dei politici) e le scelte (dei tecnici): perché non può andare che così

Posted on 30/03/2012

0


In Italia, fare il politico ad un certo livello è una delle professioni lecite più remunerative che ci siano. Se stai in un partito “dentro” il sistema e hai le giuste relazioni interne, non ti smuove più nessuno. Ma formalmente siamo in democrazia e quindi, ogni tanto, ci sono le elezioni e il partito deve vincerle o almeno ottenere quel minimo di voti necessario a tenere le posizioni. Il sistema di voto ha una grande importanza e protegge gli insiders: ci hanno lavorato molto negli anni scorsi e ci stanno lavorando ancora (perché in tutto, anche nelle porcate, si può sempre migliorare); risultato: nel 1987 uno sconosciuto come Bossi diventò senatore con soli 137 mila voti. Nel 2008, la sinistra non entrò nemmeno alla Camera pur prendendo 1,12 milioni di voti (dieci volte il primo Bossi). Oggi, entrare in parlamento senza l’appoggio di una forza esistente (cioè di un insider) è quasi impossibile.

Ma non basta. Nessun sistema, per quanto ben controllato, ti dà il posto senza ottenere voti. Come hanno fatto ad ottenerli finora? Partiamo da un assunto di base: gli elettori votano per convenienza o per convinzione. I due fattori si combinano in ciascun elettore con percentuali variabili, ma ce n’è sempre uno prevalente. Lo stesso vale per i partiti: tutti hanno sia elettori conniventi, che votano per convenienza, sia elettori convinti, in varia percentuale. Le ricerche in tema di preferenze elettorali non colgono il fenomeno e si fermano al livello meno profondo (domanda classica: “voti per il leader o per il programma…?” echissenefrega) e non indagano mai il fattore convenienza, forse perchè difficile da ammettere (chi, anche in un sondaggio anonimo, ammetterebbe “voto B perché sono un evasore fiscale e con lui so di farla franca”?). I due tipi di elettori determinano due strategie di fondo: gli elettori conniventi li compri concedendo loro vantaggi indebiti (meno tasse, tangenti, appalti, un posto pubblico, una pensione abbondante, etc etc) mentre gli elettori di opinione li convinci martellandoli coi media.

In tempi di crisi, dove la necessità di drenare risorse è spasmodica, l’elettore di opinione è un bersaglio facile perché

a)      è tendenzialmente uno stipendiato con trattenuta alla fonte: se i soldi che devi recuperare sono l’1% del monte pensioni (o del monte stipendi), aumenti l’aliquota dell’1% ed i soldi arrivano. Se la stessa cifra la vuoi recuperare tra i conniventi (dove tendenzialmente gli autonomi sono in maggioranza) devi sudare le sette camice ed inventarti mille sotterfugi, perché loro cercheranno in tutti i modi di aggirare le tue intenzioni;

b)      siccome vota per convinzione, anche se è incavolato nero, alla fine puoi sempre convincerlo che non c’era altra strada, che il sacrificio era necessario, che lo vuole l’Europa (varianti: lo vuole l’OCSE, la BCE, i mercati); se invece il connivente si accorge che gli hai toccato il portafoglio non ci sono cristi: non avendo idee o pricìpi da rispettare, il connivente cerca subito un altro che gli dia più garanzie, meglio se nella stessa parte politica; e se non lo trova: non vota.

Il governo tecnico (si fa per dire) è la prova evidente diquesto doppio trattamento: il decreto liberalizzazioni, che tocca i conniventi, viene via via svuotato dai politici che non vogliono toccare i propri elettori di riferimento; al contrario la riforma delle pensioni passa senza modifiche. Per questo si punta sempre lì se c’è da prender soldi. Perché nessuno tocca i 60 miliardi di costo della corruzione, i 120 miliardi di mancati introiti da evasione ed i 6-700 miliardi di capitali irregolari spostati all’estero, mentre il problema del giorno è togliere 1000 euro al mese di stipendio ad un impiegato licenziandolo senza giusta causa? Perché se toccano i soldi veri, quelli dei conniventi, i politici perdono il posto e per i nuovi profeti della flessibilità (altrui), niente è peggio che dover cambiare lavoro, quando il lavoro è il proprio.

Post pubblicato su Reset-Italia

Annunci