Grecia vs UE – recupero crediti 4 dummies

Posted on 18/03/2015

9



Intorno ai fatti economici delle ultime settimane è in azione una sorta di SUPER FRAME. La certezza mi è venuta parlando con mia mamma (quasi 80 anni) che, guardando una vignetta di Giannelli su Varoufakis, mi chiedeva “e questo chi è?”. “il ministro greco dell’economia” gli ho detto io, e lei ha ribattuto “ah, quelli che non vogliono pagare i debiti”. Siccome legge solo il Corriere e vede il TG1, ma è sana di mente, ci ho messo meno di due minuti a ribaltarle il frame e farle capire come stavano le cose. Non che io sia particolarmente eloquente, è che ho buoni testi su cui basarmi e la spiegazione alla mia ottuagenaria genitrice si è basata su due cose:
  1. come funzionano i prestiti
  2. come lavorano gli strozzini e i mafiosi.
COME FUNZIONANO I PRESTITI
Sono concetti semplici, ma il super frame li ignora e sui più, l’ignoranza paga: vedo tanti che ragionano come se non ci fossero, e allora é il caso di ribadirli
Concetto n.1 – tutti i debiti esistono perché li ha concessi un creditore. Le parole sono essenziali: secondo voi perché si dice “concedere un finanziamento” e non “prendersi un finanziamento”? Perché l’atto iniziale di un qualunque debito é la decisione, solitamente libera, di colui che ha il denaro di prestarlo a colui che non ce l’ha. Se questo é vero (e lo é) ciò comporta alcune conseguenze:
  1. chi presta valuta attentamente a chi sta dando i propri soldi. Infatti nei vari enti prestatori (banche e non solo) lavorano schiere di persone che fanno questo di mestiere, dalla mattina alla sera, e che soppesano ogni piccolo aspetto del richiedente prima di dargli un solo euro. Mai provato a chiedere un mutuo?
  2. il prestito ha un prezzo (l’interesse) perchè c’è un rischio, e il prezzo remunera proprio l’eventualità di una mancata restituzione. Si, perché nel mondo normale la mancata restituzione é un evento normale. Succede tutti i giorni, ed é successo decine di volte anche fra stati (re e principi hanno azzerato i loro debiti più volte, e la stessa Germania non ha pagato i propri debiti dopo la seconda guerra mondiale.
Concetto n.2 – ogni rendimento esiste perché esiste un rischio. E se esiste un rischio non si comprende perché i paesi creditori pretendano, dopo avere intascato degli interessi, di azzerarlo. Moglie ubriaca e botte piena? Sembra proprio così. Frau Merkel ha i muscoli e vuole imporre la legge del più forte, anche quando gli sta andando male. Come il ragazzino che scende in cortile sicuro di vincere e, sotto 9-3 in una partita ai 10, smette di giocare e si porta via il pallone. Ma non è esattamente così, o meglio, lo è ma solo da un certo punto in poi. In principio erano le banche ad avere un problema, in Germania, ed il perchè ce lo spiega in poche righe Bagnai (L’Italia può farcela) “I mercati finanziari esistono per essere usati. L’errore non è stato di chi ha preso a prestito, dei debitori, del Sud. Sono stati i creditori, le banche, il Nord, a prestare in modo incauto, perché hanno valutato male il rischio, e in un sistema capitalistico, di norma, è il creditore ad avere i mezzi e il compito di valutare il rischio. Ma in queste circostanze le aziende di credito, in generale, non hanno potuto o voluto farlo, forse perché sapevano che babbo Stato, tanto disprezzato, sarebbe intervenuto per salvare quel discolo di figlio Mercato, se quest’ultimo si fosse messo nei guai, come periodicamente fa. Si chiama azzardo morale (moral hazard): quando sai che qualcuno ti tirerà fuori dai guai, farai meno attenzione a come ti comporti”. Quando frau Merkel decide che le sue banche, per quanto avventate siano state (coi Greci, ma anche e soprattutto con i subprime americani) non possono fallire, lo fa non solo per salvare la faccia, ma anche con un preciso disegno, che le permetta di prendere diversi piccioni con la medesima fava. E qui si entra in un gioco più grande ancora.

Concetto n.3 – se un debito non é pagabile, non é pagabile (Giacché). Quando si creano le condizioni tali per cui le somme dovute diventano eccessive o si rivelano non più compatibili con la capacità di reddito del debitore, le ragioni del creditore sconfinano nella violenza, psicologica e non solo. In questo caso, l’enorme aggravante era che il debito greco era non pagabile FIN DAL SUO SORGERE. In altre parole #sevedeva benissimo che quelle condizioni erano assurde, e lo sarebbero state per qualunque paese, Germania compresa. E quindi? Perchè imponi a un debitore condizioni impossibili? Abbiamo detto che in prima battuta la Merkel lo fa per far recuperare alle sue banche i soldi che hanno buttato coi subprime, ma in secondo luogo lo fa per mettere scientemente nei guai la Grecia. Sempre Bagnai ci ricorda nell’ultimo libro che, l’esposizione iniziale della Grecia era inferiore a quanto un solo stato della UE (il Regno Unito) pagò per salvare una sola delle sue numerose banche in difficoltà (la RBS), dal che deriva che la crisi greca era tutt’altro che inevitabile. Il caos fu cercato, voluto, pianificato, secondo quale disegno?

E qui passiamo alla LOGICA DEGLI STROZZINI.
Gli strozzini (e i mafiosi taglieggiatori) sanno perfettamente quando un debitore può ripagare un certo prestito (o pagare un certo pizzo) e quando no. Di conseguenza, se uno di loro presta lo stesso, pur sapendo che l’altro non potrà pagare, vuol dire che ha in mente qualcosa d’altro. E lì mia mamma ci è arrivata subito. “Si prende il negozio”, mi ha detto. Brava, ottima risposta. Se lo strozzino vuole il negozio, uno dei metodi per ottenerlo è fare al negoziante, in difficoltà, prestiti che non potrà rimborsare.
Bingo.

Cosa sta succedendo alla Grecia? Perchè i creditori hanno imposto condizionalità impossibili ai greci? Perchè non vogliono prendere atto che quei soldi non torneranno, non tutti almeno?
Semplice: loro non stavano facendo un normale prestito, regolato dalle leggi economiche e sottoposto ai normali strumenti giuridici di tutela dei crediti. Loro stavano facendo un esproprio, una vera e propria azione di guerra, oggi verso la Grecia, domani chissà. Quindi la linea dura è esattamente quello che hanno sempre saputo di voler fare, così come il mafioso sa benissimo che, se chiede il doppio del pizzo, il negoziante non potrà pagarlo, ma lo chiede lo stesso, perchè il suo obiettivo è un altro.

Munchau dice che la prossima crisi sarà ancora una volta una crisi finanziaria e verrà sempre dalla Germania. Del resto, secondo le regole di Basilea3 le attività finanziarie in derivati NON sono attività a rischio. E se qualcuno prova a far domande in proposito gli dicono di NON IMPICCIARSI.

Annunci